Come strutturare i team low-code: l'approccio “Sviluppatore e ________”

Steve Vanaria, Vice President, Customer Success
August 2, 2021

I team informatici e di sviluppo hanno cominciato ad adottare il low-code per molte ragioni: riduce il debito tecnico, migliora la collaborazione tra utenti aziendali e ti rende molto più efficiente senza complicare le cose, anche tra i tuoi team applicativi.

Purtroppo, anche le organizzazioni IT che adottano il low-code spesso si affidano ancora a team di sviluppo troppo numerosi e specializzati, limitandosi a sfruttare solo una frazione del reale potere del low-code.

I migliori team low-code sono fatti per essere agili e minimizzare le dipendenze. Sono piccoli e hanno tutte competenze necessarie per passare dall'idea all'applicazione. I team rimangono invariati di progetto in progetto in modo da non dover dedicare altro tempo per imparare a collaborare con nuove persone.

 

L'approccio di "Sviluppatore e ________"

Poiché il low-code è più facile da imparare rispetto all'high-code, gli specialisti in campi come UX, etnografia, test e analisi di business possono essere formati in modo incrociato come sviluppatori low-code. Questi nuovi "specialisti generalizzati" hanno competenze sovrapposte che consentono di costruire team di sviluppo diversificati e di sfruttare tutta la potenza del low-code.

I team low-code dovrebbero essere pieni di ruoli “sviluppatore e _________”, come sviluppatore e tester o sviluppatore e Scrum Master. Tutti, dai capisquadra agli architetti, si troveranno a sviluppare qualche funzionalità, perciò ogni sviluppatore dovrebbe avere almeno un'area di specializzazione aggiuntiva: design UX, test, architettura, e così via. Questo approccio egualitario permette di costruire prodotti migliori con meno personale e accelerare la generazione di valore.

I team ottimizzati low-code hanno costi inferiori sia in termini di costo della manodopera (meno persone, utilizzate appieno) che di prodotto (i team veramente interfunzionali e collaborativi hanno molte più probabilità di costruire il prodotto giusto). I team low-code forniscono un time to value più veloce perché la loro composizione versatile rimuove le strozzature interne e riduce le dipendenze esterne (ad esempio, non c'è bisogno di aspettare che si liberi uno specialista di database se il team comprende già un esperto di database e uno sviluppatore low-code).

6 ruoli da includere in un team di sviluppo low-code

Nello strutturare il tuo team di sviluppo low-code, non dimenticare di includere i seguenti ruoli specializzati:

  • Proprietario del prodotto che sappia orientare il team alla costruzione degli elementi che servono. È l'unico ruolo che non si occupa dello sviluppo nella pratica.
  • Designer dell'UX che si occupi di far rispettare i buoni principi del design e di creare progetti per soluzioni relative a decisioni importanti sul fronte design.
  • Architetto che controlli che il team costruisca l'applicazione nel modo giusto, stabilendo l'architettura della soluzione.
  • Analista aziendale che esamini i requisiti di business e le esigenze degli utenti, ponendo domande approfondite e considerando vari scenari.
  • Tester che individui aree di rottura non rilevate dagli script di test. Chi opera in questo ruolo deve conoscere anche gli strumenti per i test automatici, sulle performance e sul caricamento.
  • Leader del team o Scrum Master che consenta al team di costruire rapidamente coordinando il lavoro, rimuovendo gli impedimenti e incoraggiando il ricorso a pratiche agile.

Il low-code ti aiuta a sviluppare rapidamente applicazioni potenti, ma funziona meglio se adotti anche alcune best practice agile. Ripensa i grandi team di sviluppo specializzati per renderli più collaborativi ed egualitari.

Per altre best practice di ottimizzazione delle tue iniziative per lo sviluppo di applicazioni low-code, scarica l'eBook: 4 insidie nello sviluppo di applicazioni low-code.