Acquistare sistemi di automazione low-code: cosa cercare e cosa chiedere

Michelle Gardner, Senior Content Strategist
July 23, 2021

Le organizzazioni stanno subendo una trasformazione, guidata dal low-code. Grazie a questo sistema di codifica, le organizzazioni possono costruire rapidamente – anche in poche settimane – applicazioni aziendali che una volta avrebbero richiesto mesi anche solo per l'avvio.

Forrester prevede che, entro la fine del 2021, il 75 % dei team di sviluppo utilizzerà piattaforme low-code (rispetto al 44 % nel 2020).[1] Di conseguenza, non c'è da meravigliarsi che il mercato low-code stia registrando un vero e proprio boom. I fornitori vanno sempre più attrezzandosi in questo senso, sovrapponendo tra loro categorie diverse nel tentativo di fornire soluzioni sempre più complete.

Allo stesso tempo, venditori e analisti sono in competizione per definire il lessico del settore. Ciò significa che i riferimenti per la valutazione delle piattaforme sono in continuo cambiamento.

Con così tante offerte, è difficile decidere da dove iniziare. I leader aziendali e informatici hanno bisogno di aiuto per orientarsi. Ecco perché abbiamo creato laGuida 2021 all'acquisto dell'automazione low-code. Così puoi immergerti nel panorama del low-code, scoprire come si sono evolute le piattaforme, quali domande e criteri devono considerare gli acquirenti e come valutare le piattaforme.

Valutare le piattaforme di automazione low-code.

La guida 2021 all'acquisto dell'automazione low-code è destinata ai leader aziendali e IT che sovrintendono ai progetti di automazione e sviluppo di applicazioni. L'automazione low-code offre un mondo di possibilità per i dipartimenti informatici che hanno tempo e risorse limitate ma devono soddisfare l'elevata domanda di nuove applicazioni e processi automatizzati potenti. Velocizzando i tempi di sviluppo e diminuendo il debito tecnico, il low-code riduce il backlog IT e dà agli sviluppatori più tempo per innovare.

Nel valutare i fornitori, i leader IT devono assicurarsi di poter usare la piattaforma per sviluppare applicazioni potenti, stabili e sicure. E i leader aziendali devono capire che può risolvere anche i problemi più complessi. Per iniziare a valutare le piattaforme low-code, le organizzazioni devono comprendere alla perfezione i seguenti argomenti: 

  1. Come si è evoluto il panorama low-code, compresi i quattro segmenti chiave del mercato e dove si inseriscono gli strumenti no-code.
  2. Se c'è davvero bisogno di una piattaforma di automazione low-code, con una checklist che ti aiuti nella valutazione.
  3. Cosa cercare in una piattaforma, quindi quali sono le caratteristiche e le funzionalità più importanti, oltre alle domande da fare nel valutare le opzioni disponibili.
  4. Come valutare le piattaforme low-code. Non limitarti a una demo generica. Dedica del tempo a studiarne a fondo le capacità tecniche, a provare come funziona in prima persona e a valutare se il fornitore è adatto alla tua organizzazione.
  5. Casi d'uso reali di come le organizzazioni leader usano l'automazione low-code per trasformare le loro operazioni.

 

Con la piattaforma giusta, è più facile integrare, aggiornare e modificare le applicazioni aziendali, per consentire alle organizzazioni di adattarsi ed evolvere più rapidamente. L'automazione low-code lascia anche i dipendenti più liberi di dedicarsi ai compiti di livello cognitivo avanzato per cui sono più attrezzati, lasciando le attività più noiose alle macchine. In questo modo ne sfrutta e amplia le capacità di risoluzione problemi e di interazione, rendendoli risorse ancora più preziose.

Vuoi informarti meglio sulle tecnologie low-code? Scopri cosa cercare e cosa chiedere con la guida 2021 all'acquisto dell'automazione low-code .

[1]  Jeffrey Hammond et al., “Predictions 2021: Software Development”, Forrester (ottobre 2020)