Il piano d'azione per l'iperautomazione –Buy‑in dei manager dell'azienda, cambio culturale e automazione del processo end-to-end

Roland Alston, Product Marketing Manager
May 10, 2021

Dall'iperautomazione alla rivoluzione del lavoro a distanza, il mondo post-COVID sta cambiando alla velocità della luce e le organizzazioni di tutto il mondo stanno facendo fatica a tenere il passo.

Nell'ambito dei servizi finanziari, per esempio, i regolamenti che evolvono rapidamente e le aspettative dei clienti stanno mettendo in difficoltà i più grandi gestori patrimoniali, che non riescono a tenere sotto controllo l'aumento dei costi operativi. L'instabilità è come una pentola a pressione, che sta obbligando un settore tradizionalmente lento ad abbracciare il digitale ad automatizzare i processi aziendali.

Nota a margine:

  • La gestione patrimoniale è un'attività professionale che si occupa di investire e far crescere il patrimonio minimizzando il rischio e preservando la ricchezza.
  • L'industria rappresenta un patrimonio stimato di 89 trilioni di dollari in gestione.
  • Più della metà di queste attività appartengono a investitori istituzionali come banche e fondi. Il resto appartiene a piccole organizzazioni o individui.

Inizio: Gurdeep Batra, Business Transformation and Technology Consulting Leader per Wealth and Asset Management presso il gigante delle consulenze EY. Con oltre 20 anni di esperienza nei servizi finanziari globali in Nord America, Europa, Medio Oriente e Asia, Batra sta difendendo la giusta causa contro l'automazione involontaria. Infatti, se fosse un supereroe, il superpotere di Batra sarebbe quello di aiutare i clienti di EY a ottenere il massimo dal loro viaggio verso l'iperautomazione.

Muoversi nell'enorme sconvolgimento provocato dal COVID-19 è difficile, ma Batra ci esorta a guardare avanti piuttosto che indietro, per automatizzare la nostra strada verso il progresso anche nei tempi più cupi. È vero: le storie sull'automazione aziendale non sono sempre eroiche, ma Batra ci ricorda che il buy-in dei manager dell'azienda, il cambiamento culturale e l'automazione dei processi end-to-end hanno sempre la meglio. Ma è stato detto abbastanza. Diamo il via al primo episodio di questo post in due parti: L'anima dell'iperautomazione: buy-in dei manager dell'azienda, cambiamento culturale e automazione dei processi end-to-end.

Appian: Allora, cominciamo da qui: te che parli ai nostri lettori di te stesso e di cosa fai in EY.

Gurdeep: Faccio parte di una linea di servizi di consulenza (in EY) che si concentra sui servizi finanziari. Sono responsabile di quello che chiamiamo il settore della gestione patrimoniale: mi concentro principalmente sulla trasformazione delle imprese e sulla consulenza tecnologica nei servizi finanziari, tra cui la gestione patrimoniale, la gestione del capitale, i fondi speculativi, ecc. In pratica tutto ciò che ha a che fare con i titoli finanziari, i mercati dei capitali e simili.

Appian: Ok, parla un po' di come lavori con Appian in termini di consulenza che fate con i clienti. Quali sono i casi d'uso tipici del tuo lavoro di assistenza della gestione patrimoniale?

Gurdeep: Assolutamente. Pensa allo sconvolgimento che l'industria della gestione patrimoniale ha sperimentato negli ultimi 12 mesi. Possiamo parlare a lungo di COVID-19 e di come la pandemia abbia causato molta instabilità nei mercati. La pandemia ha messo sotto pressione i sistemi di gestione patrimoniale dei nostri clienti.

Appian: In che modo?

Gurdeep: Storicamente, questi sistemi dipendevano da un sacco di elaborazione manuale e cartacea. C'era molta attenzione alle interazioni umane e un'enorme pressione per il passaggio al digitale per far fronte a tutte le perturbazioni dovute alla crisi COVID. Così, per esempio, la modernizzazione del servizio clienti è diventata una voce ad alta priorità. Il fatto è che se sei un dirigente e vuoi prosperare in una crisi, devi essere in grado di adattarti rapidamente.

Lo stesso vale per la tecnologia di automazione dietro i vostri sistemi di gestione finanziaria. Quindi, quando penso alla piattaforma di automazione low-code Appian, penso al lavoro fenomenale che ha fatto nell'aiutarci a riunire l'ampio ecosistema di strumenti e capacità di iperautomazione per affrontare le sfide dei nostri clienti.

Appian: Puoi fare qualche esempio a riguardo?

Gurdeep: Appian ci permette di fornire ai nostri clienti tutto, dalla funzionalità di business process management (BPM) allo sviluppo low-code. Questo che i nostri clienti, per modificare i loro processi aziendali, non devono passare attraverso l'intero ciclo di vita di un processo di sviluppo software, come accade di solito. Il low-code ci permette di aiutare i nostri clienti a muoversi rapidamente, a guardare alle acquisizioni e a integrare, attraverso il BPM, capacità e sistemi nuovi ed esistenti in un modo fluido. Oltre a questo, una piattaforma low-code ci dà la capacità di stare al passo con il rapido ravvicinamento di automazione intelligente e BPM.

Appian: Quindi, quali sono i fattori più importanti per i vostri clienti? Quali sono le loro principali priorità nell'economia post-COVID?

Gurdeep: Direi che si tratta di esperienza del cliente, ottimizzazione dei costi e riduzione del rischio. Questo intero ecosistema di automazione, combinato con low-code e BPM, ha aiutato i nostri clienti a centrare i loro obiettivi di ottimizzazione dei costi e di trasformazione digitale. Ma se dovessi identificare la priorità numero uno dei nostri clienti, direi che è quella di migliorare l'esperienza del cliente. Ridurre i costi e mitigare i rischi è importante, ma mantenere i clienti felici è in cima alla lista dei desideri.

Appian: Quindi il risparmio sui costi non è il fattore più importante.

Gurdeep: No. È importante, ma quando parlo con i consigli di amministrazione e i manager dell'azienda, danno sempre la priorità al miglioramento dell'esperienza del cliente e alla gestione del rischio operativo rispetto al costo.

Appian: Ma ci sono ancora molte aziende là fuori, molti dirigenti che ancora hanno paura di aumentare gli investimenti nell'automazione. Molte di queste aziende sono bloccate nella fase pilota dell'automazione dei processi aziendali critici. Come si fa ad affrontare questo tipo di mancanza di urgenza da parte dei dirigenti? Qual è il tuo piano d'azione?

Gurdeep: A livello strategico, scalare l'automazione in tutta l'organizzazione è essenziale, anche se i responsabili di linea spesso pensano solo ad automatizzare funzioni specifiche. Come dirigente devi pensare all'automazione nell'ottica di soddisfare le priorità delle strategie di business dell'organizzazione. Se il tuo piano di automazione non è allineato con queste priorità, non otterrai risultati o creerai molta confusione.

Penso che sia essenziale pensare all'automazione considerando il tipo di azienda che stai cercando di essere sul mercato. Pensa al viaggio verso l'iperautomazione sia da una prospettiva operativa che tecnologica. Considerala come un fattore primario per raggiungere i tuoi obiettivi di business, e sostienila con due o tre temi chiave.

Appian: Potresti spiegarti meglio? Cosa intendi per temi?

Gurdeep: Allora, per esempio, il tuo primo tema dovrebbe essere quello di conquistare il buy-in dai manager più importanti. È fondamentale per ottenere il sostegno dei vertici dell'organizzazione, specificando che la strategia di automazione non riguarda la riduzione della forza lavoro, ma il miglioramento dei processi aziendali in tutta l'organizzazione.

Tieni d'occhio questa pagina per l'episodio finale di: Il piano d'azione per l'iperautomazione: Buy-in dei manager dell'azienda, cambio culturale e automazione del processo end-to-end.