Skip to main content

Sondaggio: l'accesso facile e veloce a dati di buona qualità promuove il successo della trasformazione digitale

Cindy Cheng, ​Sr. Director of Marketing Communications, EMEA, Appian
October 28, 2021
La scarsa collaborazione può frenare la trasformazione digitale - Banner

Viviamo in un mondo sempre più digitale e guidato dai dati. Indossiamo dispositivi che misurano i nostri passi, la frequenza cardiaca e la qualità del sonno. Abbiamo a disposizione Alexa, Siri o Google pronti a prendere i nostri ordini di acquisto, a riprodurre la nostra playlist o a condividere le ultime notizie. Possiamo vedere quali spettacoli sono di tendenza su Netflix e ricevere suggerimenti personalizzati in base a ciò che abbiamo guardato. Non possiamo allontanarci dai dati. 

Dove vivono i dati? Chi vi ha accesso? Cosa ne fanno? Queste sono le domande e le preoccupazioni che condividiamo, specialmente vista la crescita e l'importanza della privacy dei consumatori e della protezione dei dati.

Dati: base per il successo o il fallimento

In un mondo aziendale in rapida evoluzione, poter accedere ai dati giusti al momento giusto può migliorare le operazioni, ridurre gli sprechi e le inefficienze, capire le esigenze dei clienti, fornire prodotti e servizi migliori. E molto di più. Senza dati di qualità, è molto più difficile creare programmi affidabili per eseguire software, dispositivi, sistemi, bot, auto e il prossimo widget intelligente che deve ancora essere inventato. 

Non sorprende che i leader europei di business e IT identifichino la necessità di dati migliori come la massima priorità per raggiungere gli obiettivi di automazione della loro organizzazione, secondo il rapporto globale Economist Intelligence Unit Report on IT's Changing Mandate, supportato da Appian. 

Tuttavia, quasi sei leader europei di business su dieci (58%) riferiscono di aver cancellato un progetto digitale a causa della mancanza di accesso ai dati giusti, rispetto a solo il 39% degli intervistati statunitensi nello stesso sondaggio con oltre 1.000 intervistati in posizioni di leadership. Questo numero è ancora più alto per Francia (68%), Italia (66%) e Germania (64%). Il Regno Unito e i Paesi Bassi si trovano nel mezzo dello spettro, rispettivamente al 55% e al 54%. La Spagna riporta meno della metà delle cancellazioni di progetti digitali al 48%. 

I dati gestiscono i bot

Allo stesso modo, gli europei riportano un tasso di fallimento nei progetti di automazione dei processi robotici (RPA) solo leggermente migliore della media globale del sondaggio (51% contro 57%). Sorprendentemente, la percentuale di fallimento dei progetti RPA più alta è della Germania (84%), seguita da Italia (60%), Paesi Bassi (54%), Francia (48%), Regno Unito (46%) e Spagna (28%). 

Dato che l'RPA è una serie di programmi elaborati che eseguono azioni di routine che una persona fa normalmente, nessun progetto RPA può avere successo senza dati di buona qualità. Un processo RPA prende i dati come input, esegue delle azioni e fornisce un output, come l'inserimento dei dati, l'estrazione dei dati e l'elaborazione delle fatture. Questo è un compito manuale che non richiede di pensare molto ma può richiedere molto tempo.

App più intelligenti con IA e ML

Senza dati di qualità, non si possono creare modelli software e algoritmi accurati per prevedere se una transazione bancaria potrebbe essere fraudolenta, quale strada per il pronto soccorso dell'ospedale ha meno probabilità di essere trafficata nell'ora di punta, se un cliente può aggiornare o cancellare l'account sulla base di una richiesta di servizio.

Secondo l'articolo dell'Economist Intelligence Unit, "l'Europa è in ritardo rispetto agli Stati Uniti non solo nella creazione di tecnologie digitali, ma anche nella loro adozione". Più di due terzi (68%) degli intervistati europei nel sondaggio globale concordano sul fatto che relativamente poche delle loro applicazioni aziendali hanno attualmente funzionalità di IA e/o di apprendimento automatico, rispetto a una media del sondaggio del 71%. 

Di conseguenza, gli intervistati britannici ed europei nello stesso sondaggio vedono IA e ML come le loro principali priorità di investimento IT nel prossimo anno, entrambi al 41%, seguiti dal cloud computing e dalle tecnologie di automazione. I tedeschi e gli italiani scelgono IA e ML sopra le altre tecnologie. Al contrario, il cloud computing è al primo posto per gli intervistati statunitensi (52%), francesi (50%), spagnoli (48%) e olandesi (36%), con una media globale del 43% nello stesso sondaggio.

Di chi è la colpa?

I dirigenti europei danno anche la colpa alla scarsa collaborazione tra i reparti IT e le unità di business per la mancanza di progressi sul fronte degli obiettivi digitali delle rispettive aziende. I risultati del sondaggio rivelano una mancanza di coordinamento e di consenso nella regione sulla responsabilità di possedere, mantenere, acquistare e sviluppare le tecnologie informatiche. Gli intervistati sono d'accordo su due cose:

  • Una migliore collaborazione tra i reparti IT e le unità di business offre un modo per rispondere rapidamente ai cambiamenti esterni.  
  • La scarsa collaborazione tra i reparti IT e business rappresenta una barriera agli obiettivi digitali.

Vuoi saperne di più? Leggi l'articolo dell'Economist Intelligence Unit su La scarsa collaborazione frena le ambizioni digitali delle aziende europee.

PS: Contatta Appian per scoprire come la nostra piattaforma low-code e le nostre soluzioni possono migliorare la collaborazione e creare impatto aziendale nella tua organizzazione.

  •